L'INTERVISTA – Corsale: "Non sono contrario al biodigestore, ma al luogo scelto per la sua collocazione"

0 959

CASAGIOVE (CASERTA) – Ieri si è tenuta un’assemblea cittadina molto delicata. Nella sala consiliare del Comune di Casagiove, si sono riuniti i rappresentanti dei comuni coinvolti, o sarebbe meglio dire stravolti, dal progetto del biodigestore in località Ponteselice.

Alla luce di questi fatti abbiamo posto alcune domande al sindaco Roberto Corsale.

Iniziamo subito da quanto avvenuto ieri. Quali sono le sue considerazioni?

E’ stato un ulteriore momento in cui l’amministrazione comunale ha scelto di affermare il proprio no al biodigestore. E’ più di un anno che lottiamo contro questa problematica che caratterizza ed unisce un numero notevole di città. Il ricorso al Tar era un atto dovuto, che abbiamo concordato insieme agli altri rappresentanti delle varie amministrazioni. Confidiamo già in una sospensione della pratica domani mattina, in attesa poi della sentenza da qui a quindici giorni. Sottolineo: non sono contrario al biodigestore in quanto tale, anche se non esenti da problematiche funzionali, ma al luogo scelto per la sua collocazione, vicino al centro cittadino, e a bellezze artistiche come la Reggia di Caserta.

Si è notata l’assenza del sindaco Carlo Marino, cosa crede in proposito?

Abbiamo voluto un’assemblea che, anche se a maggioranza contraria al biodigestore, non escludesse nessuna voce e nessun parere o opinione. Ieri mattina ho provato a chiamare il sindaco di Caserta anche per ricordargli l’importanza di porre sul tavolo tutte le teorie, ma non ho avuto risposta. E’ un peccato che una città come Caserta taccia su una tematica così importante.

Quali sono i prossimi appuntamenti per il comitato del no?

Non abbiamo altri impegni o manifestazioni in proposito. Attendiamo fiduciosi la sentenza del Tar anche per le motivazioni che apportiamo al ricorso. Siamo favoriti da vari aspetti legali, sociali e culturali. Confidiamo quindi in un accoglimento, ma incrociamo le dita. Se naturalmente la sentenza fosse a noi sfavorevole, ci riuniremo e vedremo il da farsi, ma fino ad allora rimaniamo in attesa. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.