Squilibri endocrini sui crostacei causati da pesticidi e metalli pesanti – Seminari al DST Unisannio

0 481

Proseguono i seminari ed incontri del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Unisannio. Domani venerdì 18 maggio, alle ore 11, nella sede universitaria di via Port’Arsa, il dottor Enrique M. Rodríguez del Department of Biodiversity and Experimental Biology University of Buenos Aires, IBBEA-CONICET (Argentina) terrà un seminario riguardante i gravi effetti di pesticidi e metalli pesanti sul sistema endocrino dei crostacei. Dopo una breve introduzione sui diversi tipi di composti perturbanti endocrini (EDC), che possono essere trovati nell'ambiente acquatico, il biologo Rodríguez si concentrerà sulle interferenze endocrine nei crostacei, mostrando alcuni importanti risultati di ricerca degli ultimi anni. Il glifosato e l’atrazina, pesticidi ampiamente utilizzati in agricoltura, sarebbero tra i principali interferenti endocrini, causa di squilibri nella crescita ovarica dei granchi. Esistono anche prove della interferenza endocrina causata da atrazina su due particolari specie di gamberi, riguardante sia la maturazione ovarica che la differenziazione sessuale. Il seminario tratterà anche i dannosi effetti di alcuni metalli pesanti, in particolare il cadmio e il rame, sulla crescita gonadica, sulla glicemia e sulla muta dei crostacei. Gli incontri, a scopo divulgativo, aperti a tutti, del Dipartimento di Scienze e Tecnologie, proseguiranno lunedì 21 maggio (ore 9) con il seminario di geologia del prof. Francesco M. Guadagno su “La storia del Vajont: la conoscenza della frana. Il 25 maggio (ore 10.30) sarà la volta del prof. Josè Abel Flores Villarejo, Università di Salamanca, ordinario di micropaleontologia e oceanografia, specialista in cambiamenti climatici, paleoceanografia, paloclimatologia ed esplorazione di combustibili fossili. Il 29 maggio (ore 11) il prof. David L Bish, Department of Earth & Atmospheric Sciences, Indiana University parlerà del ruolo della mineralogia per l’isolamento delle scorie radioattive e della storia del deposito nucleare di Yucca Mountain in Nevada.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.