Casagiove (Caserta) – Biodigestore, Corsale: "Domani nuovo incontro con tutti i miei colleghi. Ricorreremo al Consiglio di Stato"

0 576

CASAGIOVE – Sembra tutt’altro che conclusa la spinosa questione del biodigestore. Dopo la sentenza del Tar Campania che, di fatto, ha rigettato il ricorso promosso per scongiurare la realizzazione dell’impianto, è il Comune di Casagiove nella persona del sindaco Roberto Corsale ad insistere per continuare la battaglia.

“Pur accettando la sentenza – ha dichiarato il primo cittadino casagiovese – siamo dispiaciuti del fatto che il giudice, delle venticinque pagine del nostro ricorso, ne abbia preso in considerazione solo tre quattro. Noi non ci fermeremo. Già ho convocato per domani 22 maggio, alle ore 16:00 un nuovo incontro con tutti i miei colleghi per organizzarci a ricorrere al Consiglio di Stato”.

“L’iter amministrativo della vicenda – ha continuato Corsale – è giusto, ma noi rimaniamo fermamente contrari all’impianto per tre ragioni: il Comune di Caserta non può farsi promotore e decidere su una tematica che spetterebbe all’organismo sovraordinato “I’Ato”, presieduto dal sindaco di Marcianise Velardi; manca una valutazione dell’impatto ambientale che un impianto del genere avrebbe in una zona densamente popolata; e c’è un completa mancanza di considerazione dei nostri beni culturali, in primis della Reggia di Caserta, la cui attrattiva verrebbe senz’altro minata da un impianto del genere nelle vicinanze”.

Per martedi pomeriggio dunque sono stati convocati al Comune di Casagiove i sindaci di San Nicola la Strada, Recale e Capodrise, i consiglieri di “Speranza per Caserta” e l’avvocato Paolo Centore, al fine di valutare ulteriori e concrete iniziative a tutela della comunitá. Un incontro che lascia spazio a pochi dubbi: la battaglia continua.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.