Napoli, arrestate 18 figure chiave del "mercato del falso" partenopeo

0 406

Dalle prime ore di questa mattina, il Nucleo di polizia economico-finanziaria di Napoli stadando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le IndaginiPreliminari, Dott.ssa Luisa Toscano, nei confronti di 18 soggetti, 14 italiani e 4 stranieri, destinati agli arresti domiciliari in quanto ritenuti responsabili di reati associativi finalizzati alla produzione e commercializzazione di prodotti contraffatti.

Le attività di indagine, coordinate dal Dott. Maurizio Giordano della locale Procura della Repubblica – D.D.A., hanno permesso di raccogliere gravi indizi di reità con riguardo a cinque distinte organizzazioni criminali, ognuna delle quali strutturata secondo una definizione di ruoli e incarichi puntualmente determinati e in grado di curare distinte fette del“mercato del falso” partenopeo, contando su canali di approvvigionamento anche stranieri (Bulgaria e Turchia) e su una fitta rete distributiva dislocata in maniera capillare su tutto il territorio nazionale (nelle province di Napoli, Livorno, Torino, Milano, Genova e Massa Carrara).

Le investigazioni, durate più di un anno, sono state riscontrate da numerosi interventi repressivi che hanno consentito di sequestrare oltre 820 mila pezzi di prodotti contraffatti e di portare alla scoperta di ben 10 opifici abusivi, comprensivi di macchinari, e 6 depositi di stoccaggio, allestiti nella città e nella provincia di Napoli.

Il principale sodalizio portato alla luce – sulla base del quadro indiziario allo stato formatosi – faceva capo alle figure chiave di GUARRACINO Gennaro e PALMA Vincenzo ed era specializzato, con standard tipicamente aziendali, nella produzione e commercializzazione di scarpe e borse con segni distintivi contraffatti. Nella struttura di questa compagine delittuosa, il GUARRACINO si occupava prevalentemente di ricettare e canalizzare nei canali di vendita calzature contraffatte (prevalentemente “Hogan”), contando su una rete didistribuzione di affiliati magrebini e senegalesi che, da tutta Italia, commissionavano acquisti pagati tramite ricariche a postepay intestate a soggetti compiacenti o inesistenti. PALMA era, invece, il trait-d’union con i principali referenti della “filiera produttiva”, attraverso lineedi fornitura costituite da opifici preposti alla realizzazione di articoli contraffatti. I pellami e i tessuti serigrafati di illecita riproduzione venivano acquistati dalla Turchia, grazie al ruolostrategico di un soggetto pugliese e di suoi referenti commerciali, raggiungendo l’Italiaattraverso transiti su gomma che passavano dalla Bulgaria, da cui le materie prime viaggiavano su rimorchi stranieri di autotrasportatori compiacenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.