Una tournée italo-macedone per la pianista sanfeliciana Brigida Migliore

0 857

La conterranea Brigida Migliore, già reduce di successi musicali e culturali a livello internazionale, è stata protagonista di un progetto maturato insieme alla pianista macedone Anastasija Grgovska.

“Distanza” è il nome della tournée, sostenuta dal Ministero della Cultura macedone, che le ha viste protagoniste di concerti in Italia e in Macedonia in diverse città: tra le tante sono state ospiti del Teatro San Vittorino di Benevento  per il festival “Benevento Città Spettacolo”, del centro culturale di Kumanovo per il festival estivo e dell’auditorium della facoltà  di musica della capitale Skopje, concerto a cui hanno partecipato le autorità dell’ambasciata locale. Le due pianiste hanno anche improvvisato un concerto a sorpresa all’aeroporto di Ciampino prima della loro partenza per la Macedonia.

Il titolo del progetto è quasi ironico per dimostrare quanto l’effettiva distanza geografica tra le due artiste non costituisca alcun ostacolo ad un sodalizio umano e musicale iniziato in Germania qualche anno fa.

Le giovani pianiste si sono cimentate in un programma impegnativo, data soprattutto  la scelta della formazione di 4 mani su uno e due pianoforti, presentando principalmente composizioni del ‘900 di autori come Debussy, Tailleferre, Tansman, Poulenc, Holst, Lutoslavsky e Casella, con l’aggiunta di un pezzo di un giovane compositore contemporaneo macedone, Damien Temkov, proposto in prima esecuzione assoluta sia in Italia che in Macedonia.

Questa proposta musicale sperimentale ed insolita è stata guidata da una volontà di voler presentare un repertorio di non comune esecuzione e di voler avvicinare il pubblico alla formazione dei due pianoforti, che non è sempre presente nelle ordinarie programmazioni concertistiche. Le sonorità tenui delle composizioni dell’inizio del XX secolo si sono susseguite con le atmosfere più jazzy, reminiscenze dei colorati anni ’30, per arrivare alle gradevoli dissonanze delle composizioni più recenti.

Le due artiste hanno magistralmente interpretato questo repertorio vario ed interculturale con determinazione, passione, chiara complicità e tanti sorrisi. D’altronde, si tratta di due personalità musicali di calibro imponente a livello internazionale. La sanfeliciana Brigida Migliore si è distinta con onore per la carriera concertistica e compositiva svolta con onore soprattutto in Francia, dove da due anni ricopre il ruolo di docente e ricercatore presso il dipartimento di musicologia dell’Università di Provenza. La macedone Anastajia Grgovska è stata protagonista di ampi successi musicali nei Balcani ed è prossima alla partenza per Mosca, dove proseguirà con la sua attività pianistica.

Alla spontanea domanda sui progetti futuri e sulla gestione della “distanza” le due artiste rispondono: “Questo progetto ci ha fatto capire ancora una volta quanto la musica ci possa unire al di là delle migliaia di km che ci separano. La lontananza non ci ha mai spaventato perché la musica ci ha sempre ricongiunto, ora più che mai. Dopo il successo riscosso, prevediamo un’evoluzione ulteriore di questa iniziativa toccando altri meandri sconosciuti di questo infinito repertorio pianistico ed altre mete per diffonderlo”.

E dunque, non ci si aspetta altro che conoscere presto gli sviluppi di questa che probabilmente rappresenta la “Distanza” più bella del mondo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Ho letto e accetto Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.