Caserta. Teatro comunale: al via il bando di gara per la gestione. La nuova stagione teatrale partirà ad inizio novembre

0 648

CASERTA – E’ stato pubblicato oggi pomeriggio il bando per la gestione del Teatro Comunale “Parravano” di Caserta. Si tratta di un partenariato pubblico-privato, che prevede una gestione di tre anni per l’aggiudicatario, con l’allestimento di tre stagioni teatrali. All’interno del bando è stato stabilito che i partecipanti indicheranno già un cartellone dettagliato di eventi, che dovranno partire in tempi brevi. Pertanto, una volta aggiudicato il bando (la scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 22ottobre), potrà prendere il via ufficialmente la stagione teatrale, entro la prima decade di novembre.

Il partner privato dovrà finanziare il progetto con un investimento iniziale per implementare la fase di start-up e sostenere un investimento generale su base annuale. Inoltre, dovrà provvedere anche al pagamento dei costi di gestione, compresa la compartecipazione alla spesa per le utenze. Il partner privato avrà il compito di selezionare, nominare e retribuire il Direttore Artistico del Teatro, di provvedere alla regolare manutenzione degli impianti della struttura, di prevedere una scuola di recitazione.

L’obiettivo dell’Amministrazione Comunale è quello di trasformare il Teatro “Parravano” in un vero e proprio distretto culturale della città e dell’intera provincia di Caserta, aperto a tutti e pronto ad accogliere proposte artistiche e culturali che vadano dal teatro alla danza, dai concerti alle arti visive, fornendo una grande opportunità di formazione e di crescita soprattutto ai giovani. Saranno previsti numerosi momenti dedicati anche agli studenti degli istituti casertani, ai vari progetti teatro-scuola e agli incontri letterari. Il traguardo da raggiungere, quindi, è la creazione di un vero e proprio polo culturale che possa convogliare a Caserta i migliori artisti del panorama nazionale e non solo nonché i talenti più importanti dei contesti artistici della città, della provincia e della regione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Ho letto e accetto Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.