San Giorgio a Cremano (Na). Sequestrati 560 kg di sigarette: arrestati due contrabbandieri

0 377

San Giorgio a Cremano (Na) – Nel quadro dell’intensificazione delle attività di prevenzione generale e di controllo economico del territorio, con particolare attenzione alla recrudescenza del contrabbando di t.l.e., il comando provinciale della guardia di finanza di napoli ha disposto una capillare intensificazione dei servizi di contrasto attuati sull’intero territorio provinciale. In tale contesto, i finanzieri della dipendente compagnia di portici hanno arrestato in flagranza di reato due contrabbandieri sequestrando complessivamente kg. 560 di sigarette, 1 furgone, 1 auto, 2 cellulari ed un locale/box di circa 90 mq.. In particolare, le fiamme gialle di portici, durante un’ordinaria attività di controllo del territorio, notavano un furgone sospetto, palesemente a pieno carico, che transitava a velocità sostenuta.

Dopo un breve pedinamento il mezzo veniva visto entrare all’interno di un cortile condominiale nel comune di san giorgio a cremano e fermarsi davanti ad un box, dove 2 persone si apprestavano a scaricare delle scatole di cartone, riportanti i marchi “mark1” e “regina”. L’intervento tempestivo degli operanti permetteva di rinvenire, all’interno del mezzo e nel locale, kg. 560 di t.l.e. Privi dei contrassegni di stato.

Al termine del servizio, oltre a quanto sopra riportato, venivano posti sotto sequestro anche 400 kg. Di rifiuti speciali, costituiti da componenti elettronici, e si accertava, inoltre, che l’energia elettrica che serviva il predetto deposito di stoccaggio era allacciata abusivamente all’impianto di pubblica illuminazione attraverso un cavo volante. I 2 responsabili venivano arrestati e posti a disposizione dell’a.g. Competente, inoltre, denunciati per le violazioni in materia di reati ambientali e furto di energia elettrica. L’attività eseguita testimonia il costante presidio esercitato dal corpo sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a contrasto di un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.