Santa Maria a Vico (Ce). Oggi la prova preselettiva per il concorso di istruttore di vigilanza

L'Assessore Nuzzo: "L'organico della Polizia Municipale era ormai allo stremo"

0 86

SANTA MARIA A VICO (Caserta) – Si è tenuta questo pomeriggio nella Scuola media “Giovanni XXIII” la prova preselettiva del concorso pubblico per la copertura di un posto di Istruttore di vigilanza a tempo indeterminato, in regime orario part time 50% (18 ore settimanali).

Ben 157 erano state le domande presentate, che hanno richiesto lo svolgimento (come da bando) di una prova preselettiva nel corso della quale i candidati oggi presenti, in 60 minuti, hanno dovuto rispondere alle 60 domande a risposta multipla inerenti le materie previste per la prova scritta (Elementi di diritto amministrativo e Costituzione, ordinamento statale e degli enti locali; Ordinamento di polizia municipale; Illeciti amministrativi e sistema sanzionatorio, Depenalizzazione ai sensi della legge n. 689 del 1981; Elementi di diritto penale e procedura penale; Rapporto di pubblico impiego, diritti, doveri responsabilità e sanzioni disciplinari dei dipendenti pubblici; Codice della strada, regolamento di attuazione e leggi speciali; Infortunistica stradale; Normativa edilizia, ambientale, urbanistica; Disciplina del commercio, attività produttive, polizia amministrativa e norme di pubblica sicurezza; Legge sul procedimento amministrativo e diritto di accesso agli atti; Anticorruzione, con specifico riferimento alla Polizia locale, e trasparenza amministrativa; Nozioni di informatica).

«Abbiamo emanato questo concorso – commenta Giuseppe Nuzzo, assessore a Polizia municipale, viabilità e sicurezza stradale – per potenziare l’organico della Polizia municipale, oramai ridotto allo stremo dopo anni di pensionamenti e visto che l’ultimo concorso risaliva al 2000. Proprio per questo, compatibilmente con le esigenze di bilancio, non escludiamo scorrimenti nel corso dei prossimi anni».

L’Assessore Giuseppe Nuzzo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.