Qualiano-Giugliano: lite per motivi di vicinato finisce a rissa. Carabinieri arrestano i 4 litiganti

Spunta anche una mazza da baseball

0 510

Questa notte i carabinieri della locale stazione, guidati dal maresciallo Pasquale Bilancio, sono intervenuti d’urgenza sul viale Europa arrestando in flagranza per rissa aggravata: Sgariglia Antonio, 70 anni, del luogo, già noto alle forze dell’ordine, Trinchillo Giuseppe, 42 anni, residente a Giugliano, già noto alle forze dell’ordine, Frecciarulo Giulio (nipote acquisito di Sgariglia), 31 anni, di Qualiano, incensurato e Migliaccio Francesco (cognato di Frecciarulo), 28 anni, di Giugliano, incensurato.

Per futili motivi riconducibili a vecchie controversie di vicinato avevano dato vita a una violenta colluttazione sul viale Europa che aveva visto contrapposti Antonio Sgariglia e il genero Trinchillo Giuseppe contro Giulio Frecciarulo e Francesco Migliaccio.

Tutti hanno riportato lesioni e anche uno dei militari operanti nel sedare la rissa è stato colpito alla mano destra con una mazza da baseball impugnata da Frecciarulo, motivo per il quale a quest’ultimo vengono contestati anche la resistenza e le lesioni a un pubblico ufficiale.
I feriti sono stati portati negli ospedali di Giugliano in Campania e Pozzuoli:

Sgariglia per “escoriazione superficiale sanguinante del terzo medio del braccio destro” guaribile in 3 giorni; Trinchillo Giuseppe per “dolore alla palpazione del metatarso della mano di sinistra con lieve limitazione funzionale e piccolo sanguinamento del iii dito guaribili in 3 giorni; Frecciarulo Giulio per “contusioni multiple e traumatismi superficiali in varie parti del corpo guaribili in 6 giorni; Migliaccio francesco per frattura delle ossa nasali guaribile in 30 giorni; al carabiniere sono state diagnosticate contusioni alle dita della mano destra guaribili in 4 giorni. Gli arrestati sono stati tradotti al tribunale di Napoli nord per la celebrazione del rito direttissimo. Le indagini sono state coordinate dal capitano della Compagnia di Giugliano Andrea Coratza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Ho letto e accetto Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.