Maddaloni (Ce). Ufficio Tecnico, Viabilità e Jan Palach: ecco le tre interrogazioni del Consigliere Claudio Marone

0 642

MADDALONI (Caserta) – La politica cittadina vive per forza di cose su un continuo dibattito e confronto tra le varie forze politiche, sia di maggioranza che di opposizione. E’ questa la base su cui ideare e costruire quelle idee che, tramutate in direttive, devono portare al miglioramento della realtà civica. A questo principio si collegano inevitabilmente le tre interrogazioni presentate dal Consigliere Comunale di “Riscossa di Maddaloni – Lega”, Dott. Claudio Marone; più che interrogazioni, che qualcuno può travisare vestendole di una vena polemica, esse si presentano come dei veri e propri suggerimenti di azione che si prefiggono lo scopo di fluidificare sia la macchina comunale che la viabilità, non dimenticando il ricordo di figure importanti della nostra storia contemporanea.

  • La prima interrogazione riguarda una velocizzazione nel disbrigo delle pratiche da parte dell’Ufficio Tecnico del Comune. Marone suggerisce in questo caso la redazione di un nuovo bando per l’assunzione a tempo determinato di tecnici che supportino i dipendenti comunali nel proprio lavoro quotidiano;
  • La seconda invece propone dei consigli all’amministrazione in tema di viabilità: il doppio senso della stradina di collegamento tra via Altomari e piazza Don Salvatore d’Angelo, la svolta a sinistra alla discesa del cavalca ferrovia, rendendo a doppio senso parte di via Matilde Serao, dissuasori all’incrocio tra via N. Bixio e via Concezione, impedendo quindi parcheggi selvaggi, e lo spostamento della fioriera dall’angolo tra via S. Francesco e piazza Ferraro all’imbocco di C.so I Ottobre (lato Profumeria Papa) per facilitare la manovra di imbocco del Corso stesso. Il tutto con lo scopo di facilitare e snellire il traffico cittadino;
  • La terza invece, a differenza delle prime due, si prefigge uno scopo commemorativo e celebrativo. Infatti Marone chiede di intitolare una strada o una piazza all’eroe ceco Jan Palach studente universitario e patriota che, esattamente 50 anni fa, si dava alle fiamme per denunciare al mondo intero l’invasione scellerata del territorio ceco da parte dei carri sovietici contro coloro che richiedevano a gran voce l’indipendenza da Mosca e la libertà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Ho letto e accetto Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.