La crisi alle terme di Agnano. L’on. Marianna Iorio (M5S): “Decisione gravissima del sindaco De Magistris”

"Avalla il licenziamento di due lavoratrici"

0 75
Della storia infinita delle terme di Agnano in questi giorni si sta scrivendo un nuovo capitolo.
Entra a gamba tesa il sindaco di Napoli Luigi De Magistris che insieme al capo gabinetto Attilio Auricchio e l’assessore Monica Buonanno ha avallato la decisione di  licenziare due lavoratrici delle Terme di Agnano perchè si sono rifiutate di  sottoscrivere un verbale di conciliazione che prevedeva la riduzione del 50 per cento dei salari e il demansionamento.
Una decisione gravissima quella assunta dal Sindaco, perchè se da una parte – come affermano i consiglieri Marta Matano e Matteo Brambilla del Movimento 5 Stelle – “insieme alla sua giunta organizza consigli comunali monotematici per i lavoratori della Whirlpool presentandosi come paladino e difensore dei diritti collettivi, dall’altra poi avalla licenziamenti, vessazioni, violazioni contrattuali nelle aziende comunali proponendo ai lavoratori verbali di conciliazione che prevedono la riduzione del 50 per cento dei salari e demansionamenti.”
Intanto c’è da dire che già dal 7 Feb 2018 al 30/6/2018 i lavoratori hanno lavorato con Terme di Agnano S.p.a al 50% percependo il rispettivo compenso e che in data 25/6/2018 Terme di Agnano S.p.a. ha fatto firmare una conciliazione all’ispettorato del lavoro con la quale i dipendenti rinunciavano a tutto quanto non percepito dal 7/02/2018 al 25/06/2018, con la promessa che avrebbe spostato 27 dipendenti in altra partecipata del Comune di Napoli ‘Asia’ e 5 impiegati in ‘Napoli Servizi’.
Eppure le Terme di Agnano è un gran bel complesso. Si compone di un Hotel (con 64 camere) un centro benessere (che negli anni 2009/20010/ e per metà 2011 ha prodotto fatturati intorno ai € 100.000 l’anno) un parco di piscine termali all’aperto e un reparto di terapie termali in convenzione con il sistema sanitario nazionale.
Purtroppo ha una storia alquanto travagliata; dal 2011 in poi ha avuto continui cambiamenti nella Presidenza, con i quali si è provato più volte a procedere al fitto dell’Azienda, come previsto dalle leggi di governo, che vogliono la dismissione delle partecipate che non forniscono un servizio essenziale alla città. I bandi di gara per  passare la gestione a società private sono stati molteplici in questi anni  e per ben 2 volte la struttura è stata affidata a società dimostratesi poi non in possesso dei requisiti richiesti tanto da far decadere gli affidamenti stessi.
A luglio 2016 c’è stato l’ultimo affidamento ad una società privata con un fitto annuale di € 300.000.
I nuovi gestori subito utilizzarono un ammortizzatore sociale mettendo in cassa integrazione una parte del personale, in maniera totalmente discriminante. Finiti i primi 6 mesi proposero un nuovo ammortizzatore sociale, che però l’Inps non ha mai accettato e attualmente è in corso un contenzioso tra la società e l’Inps e tra i dipendenti e la società. (I lavoratori non hanno mai percepito l’ammortizzatore e comunque hanno lavorato per un anno interno al 40% delle ore e del corrispettivo).
Intanto la società che aveva in gestione le Terme non ha mai pagato il canone di fitto al Comune e non ha adempiuto agli obblighi contrattuali nella parte riguardante la ristrutturazione e riqualificazione della struttura.
E’ utile sottolineare che il parcheggio interno alla struttura è dato in gestione a privati, così come il parco di piscine termali e il servizio di vigilanza privata, tutte attività che potrebbero fruttare alle stesse Terme di Agnano e soprattutto impiegare lo stesso personale che a dire del liquidatore è in esubero.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.