Per la Juvecaserta il Palamaggiò resta un tabù

0 70

Lo Sporting Club Juvecaserta non riesce a sfatare il tabu del Palamaggiò ed incassa la terza sconfitta interna consecutiva ad opera di una Imola che profitta dell’assenza di Cusin e sfrutta il vantaggio sotto canestro per costruire la sua terza vittoria consecutiva con una difesa ordinata ed un attacco equilibrato, dove si affida allo strapotere fisico di Morse per fare la differenza.
Che non sarebbe stata una serata facile per i casertani si è notato fin dalla palla a due con gli ospiti che, grazie ad un preciso Masciadri dalla distanza, sono partiti a spron battuto raggiungendo con una tripla dello stesso Masciadri su assist di Fultz la doppia cifra di vantaggio (7-17) a 4’10” dal termine del primo periodo. La reazione dei padroni di casa è stata frutto di una buona circolazione di palla in attacco e distribuzione dei tiri che ha riportato la gara quasi in equilibrio sulla sirena del primo quarto (23-24 al 10’). Sull’abbrivio del recupero, è arrivato anche il primo vantaggio dei casertani ad opera di Hassan (25-24) prima che Bowers ed Ingrosso ridessero un possesso pieno in più agli imolesi (27-30). La partita è continuata sul piano dell’equilibrio con le due squadre a stretto contatto e con vantaggi minimi da una parte e dall’altra. È Allen a segnare l’ultimo vantaggio dei padroni di casa sul 43-42 ad 1’44” dall’intervallo. Due palle perse dai bianconeri hanno dato la possibilità a Morse di riportare avanti Imola (44-43) prima che Masciadri, con una tripla sulla sirena, portasse gli ospiti sul 4743 alla fine della prima metà di gioco. Dopo l’intervallo lungo, La Naturelle ha incentrato il suo gioco maggiormente su Morse che ha sovrastato fisicamente i suoi diretti avversari ed i risultati si sono visti subito: sono stati, infatti, otto punti dell’americano a ridare la doppia cifra di vantaggio agli ospiti (49-59). Carlson ed Allen hanno cercato di recuperare (52-59, 54-62), prima che la coppia americana degli ospiti e Masciadri producessero un altro strappo dando il massimo vantaggio ad Imola sul 54-68 Gli ultimi due minuti del terzo periodo hanno consentito a Giuri e Bianchi soltanto di ridurre lo svantaggio (57-69). L’ultimo periodo si è aperto con una fiammata dei padroni di casa: una tripla di Hassan ed un libero di Hassan hanno riportato Caserta a -8, costringendo Di Paolantonio a fermare il gioco. Caserta ha tentato invano di riavvicinare Imola, che ha trovato sempre canestri importanti da Morse, Bower e Baldasso nei momenti di difficoltà. I tentativi di recupero si sono così infranti contro un’Imola che è stata brava a mantenere il controllo delle operazioni ed a raggiungere il suo terzo successo consecutivo producendo 94 punti contro gli 84 dei casertani.
Sporting Club Juvecaserta – La Naturelle Imola 84 – 94
(23-24, 43-47, 57-69)
Juvecaserta: Mastroianni ne, Allen 18, Sousa ne, Bianchi 10, Valentini, Paci 10, Carlson 21, Hassan 15, Giuri 8, Vigliotti ne, Gervasio ne, Turel 2. Allenatore: Gentile
Inola: Ingrosso 5, Ivanaj, Morse 26, Taflay, Valentini, Calviner, Fultz 13, Baldasso 16, Masciadri 17, Bowers 17. Allenatore: Di Paolantonio
Arbitri: Morelli, Pecorella, Maschietto
Caserta: tiri da 2 22/38(58%), da 3 7/24 (29%), liberi 19/24 (79%), rimbalzi 31 di cui 7 offensivi, assist 21
Imola: tiri da 2 24/44(54%), da 3 10/22 (45%), liberi 16/19 (84%), rimbalzi 35 di cui 6 offensivi, assist 22

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.