Ingegneri e mondo del lavoro: Italgeco e Progeca “in cattedra” alla Federico II

0 353

CASERTA. Una mattinata all’Università. Le società Italgeco e Progeca, lo scorso 11 dicembre, hanno partecipato a un seminario promosso dal Corso di Studi in Ingegneria Edile del Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale (DICEA) della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base dell’Università degli Studi “Federico II” di Napoli. L’incontro, dal titolo “Gli ingegneri e il mondo del lavoro”, si è svolto nell’Aula Croce, dell’edificio 8, di via Claudio. Scopo del seminario era di illustrare agli studenti come si declina nel mondo del lavoro la professione dell’ingegnere, sottoposta a stimoli e cambiamenti molteplici (normativi, tecnologici e di mercato), e come il mondo dell’Università e quello dell’Impresa operino in sinergia per accompagnare questo mutamento, offrendo ai ragazzi una formazione non slegata dalla realtà e trasformandoli in attori della crescita, competitivi e consapevoli, nelle singole realtà produttive che compongono il Paese. Dopo i saluti del prof. Pierpaolo D’Agostino, coordinatore del Corso di Studi in Ingegneria Edile, i lavori sono stati introdotti dall’ing. Saverio D’Auria, docente di Rilievo e Progetto, che ha presentato i relatori dell’incontro: l’ing. Vincenzo Caputo, amministratore di Progeca, e il dott. Angelo Racioppoli, amministratore di Italgeco. L’ing. Caputo, accompagnato dall’ing. Mario Perri, ha parlato, in particolare, dei vantaggi che derivano dalla costituzione delle società di ingegneria: «consentono – ha dichiarato – di mettere a fattore comune il know how e le esperienze di più professionisti e di “contare di più” nelle gare, garantendo la durata e la crescita del proprio curriculum professionale; permettono di fare ingegneria e architettura e di prestare servizi tecnici professionali, anche in forma integrata, e di produrre progetti con modalità efficienti, organizzate e di qualità, secondo tempi e costi certi per il committente; offrono maggiori garanzie al cliente e si relazionano con maggiore efficacia nella filiera delle costruzioni». Il dott. Racioppoli, invece, si è soffermato sul ruolo e sui benefici delle singole imprese nell’associarsi in consorzi stabili: «Il consorzio – ha rivelato – mette a disposizione le conoscenze e l’alta professionalità acquisita negli anni dall’ufficio gare, sollevando l’impresa consorziata da qualsiasi incombenza per l’espletamento dei bandi di gara; nella qualificazione, ogni consorzio può utilizzare sia i requisiti maturati in proprio, sia quelli dalle singole imprese consorziate; coadiuva le imprese con i vari enti e le supporta nelle attività di acquisizione dei lavori e di coordinamento e offre ai consorziati un sistema altamente organizzato di finanza, marketing e commercializzazione dedicato all’acquisizione e al controllo del mercato». A conclusione del seminario è intervenuta la prof.ssa Lia Maria Papa, ordinario di Disegno, già Coordinatrice dei corsi di studio in Ingegneria edile triennale e magistrale e responsabile scientifico del laboratorio di Rilievo e di Modellazione del DICEA. Tante le domande e le curiosità dei ragazzi, tali da aver protratto di almeno un’ora la durata prevista dell’incontro. Italgeco e Progeca sono due realtà casertane fondate dall’avv. Salvatore Liquori che, negli anni, hanno saputo inserirsi con successo nel mercato nazionale. Italgeco, con sede legale a Roma, è una società consortile che esegue in Italia opere di edilizia avanzata e di impiantistica per soggetti pubblici e privati. Realizza interventi infrastrutturali per enti pubblici e realtà industriali (cimiteri, impianti sportivi, approdi turistici, ospedali, opifici) ispirandosi ai principi della sostenibilità ambientale. È specializzata nella progettazione, nell’istallazione e nella manutenzione di impianti ad alta tecnologia, compresi quelli per la produzione e per il risparmio di energia. Promuove piani di sviluppo del territorio al fine di rispondere alla domanda crescente di servizi e di infrastrutture. La riduzione dei trasferimenti statali e i limiti imposti dal Patto di stabilità interno, infatti, hanno ridotto la capacità degli Enti locali di fornire servizi efficienti al cittadino e di superare i gap infrastrutturali: Italgeco ha saputo raccogliere questa sfida, entrando nel settore dei lavori pubblici, delle forniture e dei servizi realizzati e gestiti con capitali privati, detenendo un ruolo di riconosciuta leadership nel campo delle opere “calde” (remunerative). Sin dalla “Merloni ter” il gruppo ha intuito le potenzialità del Project financing, lo strumento di Partenariato pubblico-privato più usato dalle Pubbliche amministrazioni, e seguendo le evoluzioni del Legislatore ha, via via, abbandonato il contratto d’appalto classico per le enormi criticità che presenta. Progeca, che ha il suo ufficio tecnico a Capodrise, è una società di ingegneria e di servizi integrati, costituita nel 2007 da professionisti provenienti da vari settori di area tecnica. Fornisce assistenza tecnica, legale e finanziaria nella scelta dei modelli più congeniali di cooperazione tra Pubbliche amministrazioni e impresa. Sostiene progetti di ricerca e di formazione in collaborazione con associazioni di categoria e Università. In virtù delle specifiche competenze tecniche evidenziate, entrambe le società si sono rese disponibili ad avviare attività di tirocinio per consentire agli allievi di Ingegneria edile, e non solo, di confrontarsi immediatamente con il mondo del lavoro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.