Maddaloni. Campolattano dopo il sopralluogo con De Filippo: via i rifiuti da via Sauda, via Campolongo e via Dell’Uliveto

0 102

«Proficuo incontro questa mattina con il sindaco De Filippo, assieme al quale abbiamo fatto un sopralluogo lungo via Dell’Uliveto, via Sauda, via Campolongo e su tutto il tratto che porta a via Appia compreso il sottopasso. Il sindaco si è impegnato a stretto giro a ripulire l’area, a potenziare l’illuminazione pubblica e ad installare le telecamere di sorveglianza». A dichiararlo è il consigliere di opposizione Angelo Campolattano a margine dell’incontro con il primo cittadino. «Ho rappresentato al sindaco tutte le difficoltà che i residenti della zona mi hanno segnalato chiedendo un intervento immediato per risanare una situazione che ha reso la zona al limite della vivibilità – ha sottolineato – Il sindaco si è detto disponibile ad intervenire subito affinché, innanzitutto, la zona venga ripulita. E’ chiaro che, accanto all’attenzione del Comune, c’è bisogno anche di un’attenzione diversa da parte dei cittadini che non devono più sversare i rifiuti in maniera indiscriminata lungo quelle strade e sotto al sottopasso. L’intervento pubblico diventa marginale se, ad esso non fa il paio un comportamento corretto da parte dei maddalonesi». Campolattano spiega ancora come sia stato toccato in occasione dell’incontro di questa mattina anche il tema della sicurezza. «Il potenziamento dell’illuminazione pubblica è un provvedimento indifferibile rispetto al quale non è più pensabile attendere oltre – ha spiegato – illuminare quelle strade, significa ridurre i rischi per le tante persone che le frequentano nelle ore serali. Ho poi sottolineato al sindaco come le telecamere rappresentino una necessità. I residenti della zona hanno raccolto anche una diverse firme per accelerare tale operazione, manifestando la volontà di provvedere in proprio se ve ne fosse la necessità. Siamo certi che il sindaco terrà fede a tutte le promesse che ci ha fatto. Da parte mia, come consigliere d’opposizione, vigilerò affinché ciò avvenga e in tempi contenuti consapevole delle difficoltà che, comunque sconta il nostro ente per problemi di bilancio e di organico».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.