Napoli City Half Marathon, Mostra d’Oltremare la Casa dei Runners. “Sport come Mission”

0 96

La Mostra d’Oltremare come la casa degli sportivi. Ancora una volta si rinnova la partnership tra l’ente fieristico partenopeo e l’appuntamento della Napoli City Half Marathon che porterà, grazie allo Sprt Expo, e alle iniziative legate alla Half Marathon ventimila persone a vivere la tre giorni Napoletana alla Mostra d’Oltremare.

“Lo sport come mission, per la Mostra d’Oltremare, deve tornare ad essere centrale – afferma Remo Minopoli, presidente Mostra d’Oltremare –  Dobbiamo creare le condizioni per implementare il più possibile l’offerta per gli sportivi e rilanciare un asset che la Mostra ha nel proprio statuto. La half marathon sta diventando un appuntamento fisso che anche quest’anno siamo contenti di accogliere all’interno del nostro parco. Questa iniziativa per noi di Mostra è un punto di partenza dell’anno 2020 e linfa vitale per la valorizzazione delle strutture sportive sulle quali investiremo, in una vision di macro progetto per la creazione di un vero polo sportivo. L’obiettivo che ci siamo prefissati è quello di creare un luogo dove tutti possano fare sport, a costi contenuti, perché la Mostra deve essere uno spazio accessibile a chiunque”.

“Il parco della Mostra d’Oltremare lo riteniamo parte integrante della città – afferma Valeria De Sieno, consigliere delegato MdO –  Un parco che va considerato come un “corpo vivo”, che deve trovare respiro in iniziative come la Napoli City Half Marathon, che abbiamo deciso di abbracciare nuovamente con entusiasmo, ospitando l’arrivo della gara. Mostra d’Oltremare sarà  protagonista di un momento di sport tra i più importanti della città, dopo essere stata la base operativa delle Universiadi. Credo che sia importante cavalcare l’onda delle Olimpiadi universitarie per tracciare un nuovo corso di Mostra. Un corso attraverso il quale si possa creare un patto di ferro tra l’ente fieristico e il mondo dello sport, per diventare il faro di tante iniziative organizzate in città che non trovano una loro collocazione. Dobbiamo candidarci a diventare la casa degli sportivi”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.