Caserta, un cimelio dell’aeronautica militare accoglie gli ingressi in città

0 119

Caserta. In viale Carlo III si è svolta la cerimonia di adozione della prima rotonda (venendo da Caserta, incrocio viale della Libertà) ad opera della Scuola Specialisti dell’Aeronautica Militare. Al meeting erano presenti, tra gli altri, il Comandante della Scuola, Colonnello Nicola Gigante, il Sindaco di Caserta Carlo Marino e il consigliere comunale, candidato alle Regionali con ‘Italia Viva’ T. Colonnello (r) dell’Aeronautica Militare Pasquale Antonucci, promotore dell’iniziativa. La Scuola ha collocato all’interno della rotonda una deriva di un velivolo AM-X a suggello del legame unico ed indissolubile fra la città e l’Aeronautica Militare. “Ho raccolto -spiega Antonucci- le proposte avanzate dalle varie associazioni dell’Aeronautica esistenti sul territorio e soprattutto ho fatto mio, l’appello di molti cittadini comuni che volevano un monumento che ricordasse la vicinanza tra l’Aeronautica e la città. Il Sindaco Marino e il Colonnello Gigante, hanno sposato con entusiasmo l’idea. Abbiamo voluto collocare la deriva del velivolo, proprio all’ingresso della città. Quando si varcano le porte della città di Caserta, adesso, si viene accolti da due importanti monumenti, uno, è ovviamente la Reggia Vanvitelliana, l’altro, è il cimelio dell’aeronautica militare. L’Aeronautica,-sottolinea Antonucci-fu elevata a Forza Armata indipendente nel 1923, ed è dal 1926, che è presente qui a Caserta; quindi praticamente da sempre. Era, indi, più che opportuno, necessario, che a testimonianza di un sodalizio quasi centenario con la città, venisse installato questo monumento”. Il T. Col. (r) Pasquale Antonucci, è entrato poi nel dettaglio di quella, che particolarmente in questo periodo, si sta configurando tra le principali criticità della Provincia di Caserta e non solo: “La pandemia del COVID-19 ha portato con sè non solo un’emergenza sanitaria ma anche una crisi economica e del mercato del lavoro. Sono necessari interventi politici mirati ad una ripresa economica celere. La ripresa deve partire dal basso, dalle piccole imprese e dalle piccole realtà commerciali del territorio.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.