Casagiove. Strade colabrodo e non solo, i commercianti della Nazionale Appia scrivono a Vozza

0 1.096

CASAGIOVE (Caserta) – Si ritorna a parlare della Nazionale Appia e dell’urgenza di una sua riqualificazione nel tratto casagiovese. È racchiusa in poche parole l’amarezza espressa dai commercianti della zona che, in una nota apparsa su diverse pagine Facebook, si appellano criticamente al buon senso del Sindaco Giuseppe Vozza e della nuova Amministrazione comunale chiedendo precisazioni sugli interventi programmati e sulle scelte effettuate per sostenere la categoria e combattere la crisi economica dettata dalle restrizioni. Di seguito vi riproponiamo le motivazioni del loro risentimento.

Il sottoscritto Paolo Cortese
in rappresentanza di Cortese Giulio “Royal bar”, Chiodaroli Francesco “Wind-3store”, Monaco Domenico  “Future games”, Napolitano Carlo “Nusco Porte”,  Buono Maurizio “Spazio Letto”, Vozza Gerardo “Autoricambi Vozza”, Papale Carmine “Ricevitoria tabacchi n. 11”, Lo Stritto Lorenzo “bar Paolo”, Monaco Massimo “Pgs”, Rossano Salvatore “Ristorante Appia antica”, tutti commercianti della Nazionale Appia primo tratto di Casagiove (dal ponte detto della pacchiana –  incrocio via recalone) chiedono alla Spett.le amministrazione COMUNE DI CASAGIOVE alcune delucidazioni.

Vorremmo fosse pubblico il criterio per il quale si è stabilito che i soldi destinati all’illuminazione natalizia  ed attività connesse, finanziati dalla camera di commercio di Caserta, fossero spesi unicamente per il centro storico e le sue vie interne, ignorando completamente quella che dovrebbe essere l’arteria principale per questo comune:
la Nazionale Appia.

Questa, come lei ben saprà, è la porta d’ingresso sia del Comune di Casagiove ma è soprattutto la strada principale per raggiungere uno dei patrimoni dell’umanità dell’Unesco: La Reggia di Caserta. Secondo il nostro modesto (ma pur importante) parere, sarebbe  stato meno offensivo evitare di mettere ai due lati di detto tratto le 2 tabelle con scritto “Auguri”.

Ci saremmo altresì aspettati, con l’inizio della nuova amministrazione, un colloquio per affrontare (risolvere sarebbe troppo impegnativo) gli annosi problemi che ovviamente con il tempo non possono altro che peggiorare.

Di qui abbiamo cercato di trovare alcune risposte a queste domande, stupiti che i finanziamenti siano stati spesi per le vie interne e non per l’arteria in questione
Forse questa Spett.le Amministrazione ha pensato che illuminando il tratto con  qualcosa di Natale avrebbe messo in risalto ancora di più tutte le carenze e brutture? (Segnaletica stradale inesistente, buche che con un po’ di pioggia diventano voragini, marciapiedi preda di animali d’ogni specie.)

Oppure, e qui ci consenta una battuta, tale disparità è dovuta al fatto che i pochi commercianti (eroi) rimasti di detto tratto non sono residenti nel comune e quindi non portatori di voti? Non lo crediamo ma sono le uniche risposte che ci sono venute in mente, ci illumini (almeno con le sue risposte).

Noi commercianti della nazionale, ed io per primo, negli ultimi anni abbiamo combattuto nel periodo pre-natalizio per raccogliere soldi dalle nostre casse, per cercare di creare un po’ di atmosfera natalizia, facendo sì che alla fine, ne beneficiasse l’intero comune.

Insomma Signor Sindaco ci saremmo aspettati dalla sua amministrazione un interesse verso la nostra categoria in un periodo che ci vede maggiormente colpiti dagli eventi legati al covid, massacrati inoltre dalle varie scadenze e pendenze senza nessun aiuto.

Certamente noi non siamo né stipendiati della pubblica amministrazione e tantomeno possiamo esercitare le attività in modalità smart working.

L’unico aspetto del turismo di cui al momento gioviamo è quello degli extra comunitari che passano da un esercizio all’altro in cerca di soldi. Sperando in un inizio di interessamento dell’Amministrazione che Lei guida verso la nostra categoria e la risoluzione del vergognoso e precario stato in cui versa il tratto della nazionale in cui svolgiamo le nostre attività.

Ovviamente facciamo portavoce anche dei commercianti dell’intero tratto sicuramente d’accordo con ciò che abbiamo fatto rilevare essendo nelle stesse nostre condizioni.

La invitiamo infine a recarsi sul nostro tratto di nazionale per rendersi conto dello stato di degrado in cui versa, raccomandandole di farlo di giorno (alla luce del sole) onde evitare di rimanere bloccato in una delle profonde buche esistenti in tutto il tratto. Le inviamo i nostri saluti con l’augurio di un anno di cambiamenti positivi

I commercianti sopra elencati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.