Bellona. Ambulatorio Specialistico Sociale. Il sindaco Abbate: “Un servizio di prevenzione sanitaria per la comunità a costo zero per il comune”

0 204

Forte di un’amministrazione comunale volitiva e attiva e di un sindaco dinamico ed impegnato in prima linea la città di Bellona continua la sua marcia verso l’obiettivo di sviluppo e di offerta di servizi alla comunità. Ed è di queste ore la notizia data dal primo cittadino Filippo Abbate che Bellona potrà disporre di un ambulatorio specialistico sociale.  Il progetto mira a garantire il diritto alla salute e la promozione della dignità delle fasce più deboli mettendo a disposizione delle persone e delle famiglie in difficoltà un servizio di visite specialistiche.  Una splendida iniziativa che si inserisce nel quadro generale di tante novità per il territorio di questi ultimi anni quali il rifacimento di strade e sottoservizi, la casina dell’acqua, la farmacia comunale, il progetto del polo scolastico, il parco giochi. “L’Ambulatorio Polispecialistico Sociale ed un parcheggio, questo il nostro progetto. Al fine di promuovere il benessere della persona e della collettività e di creare senso civico, ovvero fiducia negli altri, disponibilità a cooperare per migliorare la società in cui si vive, abbiamo avviato le procedure per la costruzione di un Ambulatorio Polispecialistico Sociale ed un parcheggio da realizzare in Via 54 Martiri. L’Ambulatorio offrirà dei servizi sanitari (visite specialistiche) a settori della popolazione in difficoltà socio-economica, così da poter garantire il diritto alle cure mediche necessarie ed appropriate. Pensiamo di poter costruire un “luogo comune” per ricreare socialità sul territorio e proporre iniziative di prevenzione sanitaria e di benessere in generale.  Con questo progetto, pensiamo di poter costruire un luogo comune per ricreare socialità sul territorio di Bellona e proporre iniziative di prevenzione sanitaria e di benessere in generale”. Così il sindaco Abbate.  

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.