CCNL E.L. e Sanità – Ok corte dei conti, ora firma definitiva

Fioravante Bosco (Uil Av/Bn): lunedì 21 maggio ci sarà la firma definitiva dei due CCNL presso l’Aran

0 455

La Uil Avellino/Benevento comunica che, nell’adunanza del 15 maggio 2018, le Sezioni riunite, in sede di controllo, hanno positivamente certificato l’ipotesi di CCNL comparto Funzioni localiper il triennio 2016/2018 e l’ipotesi di CCNL comparto Sanità per il triennio 2016/2018 con le osservazioni contenute nel Rapporto di certificazione allegato alle rispettive delibere in corso di stesura. Da giugno 2018, pertanto, cambieranno le buste paga di circa 1,5 milioni di dipendenti pubblici negli organici di sanità, regioni ed enti locali. A rendere “ricco” il primo stipendio rinnovato saranno prima di tutto gli arretrati, che tradurranno in cifre l’eredità degli aumenti graduali previsti a valere sul 2016 e 2017 e sui primi mesi di quest’anno. La cifra varia da caso a caso, ma per esempio per un livello medio negli enti locali, si attesteranno a 750 euro. Salvo diversa previsione del CCNL, gli incrementi dello stipendio tabellare previsti (Incrementi degli stipendi tabellari)hanno effetto, dalle singole decorrenze, su tutti gli istituti di carattere economico per la cui quantificazione le vigenti disposizioni prevedono un rinvio allo stipendio tabellare. Nei confronti del personale cessato o che cesserà dal servizio con diritto a pensione nel periodo di vigenza del presente contratto, le misure dei predetti incrementi hanno effetto integralmente, alle scadenze e negli importi previsti nella tabella A, ai fini della determinazione del trattamento di quiescenza. Agli effetti dell’indennità premio di fine servizio, dell’indennità sostitutiva del preavviso, del TFR nonché di quella prevista dall’art. 2122 del C.C., si considerano solo gli scaglionamenti maturati alla data di cessazione del rapporto di lavoro. Gli aumenti a regime valgono in media 65 euro lordi al mese negli enti territoriali, e oscillano da 52 a 90,3 euroa seconda del gradino occupato dal dipendente nella scala gerarchica. In sanità invece la media viaggia a 66,9 euro, e va dai 50,5 eurodel gradino più basso ai 90,8di quello più alto.

“Dopo tanta attesa – dichiara Fioravante Bosco (Uil Av/Bn)-, finalmente la Corte dei Conti ha approvato anche i rinnovi contrattuali dei comparti Sanità ed Enti Locali. Ora manca solo la firma definitiva in Aran, già programmata per lunedì 21 maggio, per riconoscere, dopo ormai dieci anni, i dovuti arretrati e gli adeguamenti salariali, ma soprattutto la dignità e un ruolo partecipativo ai lavoratori di questi settori. Esprimiamo la nostra soddisfazione – conclude Bosco– per un percorso che ci ha portato al rinnovo definitivo dei contratti per circa tre milioni di dipendenti della nostra Pubblica amministrazione”.

Benevento, 17 maggio 2018.

Ufficio stampa Uil Benevento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.