ODA – Rivoluzione raccolta differenziata, più impianti e telecamere contro gli sversamenti: Gaudino presenta il piano del centrosinistra

0 445

ORTA DI ATELLA (CASERTA). «I rifiuti non possono più rappresentare uno spauracchio per i cittadini di Orta di Atella che, troppo spesso, si trovano a circolare per l’immondizia a causa dell’inciviltà di pochi e di un sistema di raccolta inadeguato ad una città come la nostra. Appena eletti prorogheremo il servizio affidato dai prefetti che scade nel prossimo mese di giugno per evitare che ci possano essere delle interruzioni nella raccolta e, poi, attueremo il progetto che abbiamo predisposto che prevede una vera e propria rivoluzione in questo comparto con un ammodernamento del sistema di raccolta, la creazione di infrastrutture, la sensibilizzazione a cominciare dalle scuole e un’incisiva azione di repressione contro chi abbandona i rifiuti in strada». Vincenzo Gaudino, candidato sindaco del centrosinistra ad Orta di Atella illustra le linee guida messe a punto per risolvere il problema. «Per migliorare la differenziata è necessario realizzare una o più isole ecologiche per evitare congestionamenti nella raccolta – ha sottolineato – ma è anche opportuno accompagnare questi impianti ad altri più piccoli come le compostiere domestiche e quelle di quartiere. Abbiamo già attivato un confronto con Regione Campania e con l’assessorato all’Ambiente per cercare di ottenere incentivi e sgravi per chi si dota di impianti del genere». Gaudino sottolinea come la cultura ambientale rappresenti, però, un presupposto essenziale affinché il sistema che la sua amministrazione predisporrà decolli realmente. «E’ per questo che avvieremo campagna di sensibilizzazione nelle scuole facendo capire ai ragazzi l’importanza della raccolta differenziata e i vantaggi che da essa possono derivare per la comunità – ha dichiarato il candidato sindaco – abbiamo in mente anche di promuovere un sistema di premialità per incentivare i cittadini a differenziare di più». Gaudino e la sua squadra useranno il pugno duro contro chi sversa rifiuti abusivamente e non rispetta le regole della raccolta. «Nei punti critici installeremo delle telecamere per monitorare i trasgressori in modo da prevenire la nascita di vere e proprie mini-discariche soprattutto nelle aree periferiche e all’ingresso della città – ha spiegato Gaudino – restituiremo anche in questa maniera, finalmente, il giusto decoro ad Orta di Atella».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.