STORIE – Casagiove (Caserta), la pizzeria Soul Express mercoledì 20 riapre i battenti

La nuova sfida di Alessandro Nasti

2 3.073

Cadere per rialzarsi, più forti e determinati di prima, come non mai. Si tratta di must della vita quotidiana che inevitabilmente coinvolge tutti noi, chi prima e chi dopo. Questa volta tocca ad Alessandro Nasti, il pizzaiolo proprietario della Soul Express, che lo scorso 14 maggio rimase coinvolto in un tremendo incidente con un furgone proprio davanti alla saracinesca del suo amato locale. Se l’è vista brutta il ragazzo salito agli onori della cronaca nel modo più sfortunato possibile: una mano malmessa, un’operazione delicata presso l’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli, la lunga riabilitazione verso l’utilizzo totale di un importante strumento di lavoro, essenziale per chi consegue con onore e forza di volontà l’arte sacra del pizzaiolo. La strada intrapresa è naturalmente lunga e a tratti in salita, ma a distanza di un mese dal tragico episodio, Alessandro ha deciso di voltare defintivamente pagina e raccogliere un’altra impetuosa e al tempo stesso interessante sfida, nell’attesa del completo riacquisto delle funzionalità della mano coinvolta nell’incidente. La Soul Express riapre i battenti mercoledì 20 e lo farà in grande stile, mantenendo inalterati i propri servizi messi a disposizione, fin dal primo giorno, per la già numerosa clientela. Insomma, stesso posto e senza ora per una serata che segna già nelle ore antecedenti al grande giorno una svolta, ma anche un segno indelebile della voglia di vivere superiore ad ogni avversità. Perché le sfide vanno raccolte e se accompagnate da una pizza napoletana doc, c’è ancora più giusto nell’affrontarla.

2 Commenti
  1. Fabio dice

    Grande Alessandro!
    Onore e rispetto!
    In questo mondo dove si passa sopra a cose e soprattutto a persone, talvolta scaraventandole letteralmente via, non curanti del loro destino,
    Il tuo urlo, dapprima di dolore, ora di ribellione ad un destino non voluto sia da esempio per tutti coloro che sono morti dentro affinché possano risvegliarsi e combattere come te!
    Grazie di cuore.

    1. Alessandro dice

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.