Corte dei Conti: l'Irpef schiaccia il ceto medio. Bosco (Uil), revisione aliquote Irpef con principio progressività

0 398

Benevento, 16 luglio 2018. – La Uil Avellino/Benevento rende noto che la Corte dei conti ha pubblicato, sul proprio sito istituzionale, il rapporto 2018 sul coordinamento della finanza pubblica italiana. Il rapporto analizza i numeri relativi alla progressività del sistema tributario, e quindi buona parte dello studio si focalizza sull’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef). Grazie allo studio pubblicato dalla Corte dei Conti è stata confermata l’ipotesi, già avanzata dal Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili, sulla flat tax che così come proposta attualmente andrebbe a favorire i redditi delle persone più ricche, penalizzando coloro che hanno un reddito basso, e che già pagano aliquote di fatto molto basse per effetto del sistema delle detrazioni fiscali.Per realizzare la riforma fiscale del sistema italiano, auspicata dalla Corte dei Conti, il Governo deve riconciliarsi innanzitutto con i lavoratori dipendenti e pensionati che da sempre pagano le tasse fino all’ultimo centesimo.

“Per conseguire questo obiettivo – dichiara Fioravante Bosco (Uil Avellino/Benevento)– si deve operare un aumento significativo sulle detrazioni specifiche per i redditi dei lavoratori dipendenti e dei pensionati. Successivamente si deve attuare una revisione delle aliquote Irpef, nel rispetto del principio costituzionale della progressività. Questi interventi devono essere accompagnati da un incisivo attacco all’evasione fiscale presente nel Paese, mediante un aumento di controlli, l’incrocio di banche dati e l’estensione del contrasto di interessenei servizi per le famiglie”.

Ufficio stampa Uil Benevento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.