Pil, nel quarto trimestre -0,2%: è recessione tecnica. Bosco (Uil): “Ripartire dall’edilizia”

0 577

Benevento, 1 febbraio 2019. – La Uil Avellino/Benevento rende noto che nel quarto trimestre del 2018 il Prodotto Interno Lordo (PIL) italiano è sceso dello 0,2% sul trimestre precedente e salito dello 0,1% su base annua. L’Istat spiega che si tratta del secondo calo congiunturale consecutivo dopo il -01, segnalato nel terzo trimestre dell’anno scorso, primo segno negativo dal secondo trimestre del 2014. La contrazione del Pil (-0,2%) registrata nel quarto trimestre 2018 segna per l’economia italiana l’entrata in recessione tecnica. Per l’Istat si tratta del peggiore risultato da 5 anni a questa parte. Per ritrovare un calo simile, infatti, l’Istituto di Statistica spiega che bisogna risalire al quarto trimestre del 2013, quando il Pil segnò appunto un equivalente -0,2%.

I dati economici ci dicono che il Paese è in recessione. Poiché anche la Germania rallenta, vuol dire che l’Europa sta continuando a sbagliare con le politiche di austerità. Bisogna cambiare le regole e rilanciare l’economia: non si esce dalla crisi senza investimenti pubblici e privati nelle infrastrutture, per il riassetto urbanistico delle città e per la messa in sicurezza del territorio.

“L’edilizia – dichiara Fioravante Bosco (Uil Av/Bn) – può essere il volano per far ripartire l’economia. Negli anni della crisi, il settore ha perso 700 mila posti di lavoro. Ebbene, si deve partire, subito, dall’attivazione delle risorse che sono già state stanziate, ma non ancora utilizzate, per creare 400mila posti di lavoro. Cosa si aspetta? Noi siamo favorevoli alla realizzazione di tutte le grandi opere per la crescita del Paese: la politica dei no, il disquisire sul rapporto costi/benefici, non serve a nessuno. Se non si rimette in moto l’economia, se si resta fermi, i costi saranno altissimi. Eravamo la quinta economia del mondo – ha concluso Bosco – e ora siamo regrediti: bisogna sbrigarsi e recuperare il tempo perduto”.

Ufficio stampa Uil Benevento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Ho letto e accetto Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.