Savoia, il ds Mignano: “Uniti e determinati per raggiungere i playoff”

0 79

Passata la sosta di campionato, in concomitanza dell’avvio della Viareggio Cup, il Savoia si appresta a tornare in campo per ospitare la Sarnese al ‘Vallefuoco’ di Mugnano, gara valevole per la 27a giornata del girone H.

Pur non essendoci state partite ufficiali, i bianchi non sono stati fermi in queste due settimane, moltiplicando ed intensificando gli allenamenti agli ordini di mister Campilongo e del suo staff.  Per il derby con i granata di Sarno, l’allenatore biancoscudato potrà avere la squadra quasi al completo con il rientro di Cacace e Del Sorbo dopo le rispettive squalifiche. Proprio Campilongo, però, non siederà in panchina con i suoi, dovendo scontare la giornata di squalifica in seguito all’inspiegabile allontanamento deciso dall’arbitro dell’incontro col Nola.

Al termine dell’odierna rifinitura è stato il direttore Marco Mignano a suonare la carica per il derby: “Da domani e per tutte le gare che ci restano da giocare, voglio vedere una squadra cattiva e determinata. Non possiamo più essere solo belli, voglio vedere concretezza e cattiveria agonistica in campo. Ho seguito la squadra in queste due settimane di lavoro e, come sempre, ho visto una squadra in forma, che si impegna al massimo e che finora non è stata mai messa sotto dal punto di vista del gioco. Ora c’è bisogno di scendere in campo senza troppi fronzoli e senza strafare. Dobbiamo solo essere compatti, concentrati e concreti. In queste ultime otto partite voglio vedere un gruppo che, fra calciatori, staff tecnico e dirigenti, si unisce ancora di più e lotta insieme per raggiungere l’obiettivo, cominciando già da domani. Ci aspetta una gara difficile, la Sarnese verrà a fare la sua partita, agguerrita, alla ricerca di punti salvezza. Ma in noi deve prevalere la voglia di riscatto, dobbiamo giocare col dente avvelenato, perché non meritavamo assolutamente le due sconfitte con Cerignola e Nola. In campo voglio vedere gente affamata di vittoria, gente che arriva sul pallone prima dell’avversario, gente determinata a portare i tre punti a casa. La rabbia accumulata dopo gli ultimi risultati negativi deve trasformarsi in fervore agonistico e portarci alla vittoria. L’imperativo deve essere solo questo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.