Ortopedia Meridionale e Napoli United: insieme per il ritorno in campo di Akrapovic

Il capitano del club aveva subìto la frattura del setto nasale meno di due settimane fa. Grazie a un prodotto unico in Italia e altamente sostenibile,realizzato da Ortopedia Meridionale, potrà essere in campo già sabatonello scontro al vertice con la capolista Puteolana.

0 190

Una tecnologia unica in Italia per consentire il rientro in campo in tempi record. È quella utilizzata da Ortopedia Meridionale per realizzare una maschera per proteggere il volto di Aaron Akrapovic, il capitano del Napoli United colpito a gioco fermo nel corso dell’incontro con il Pianura Napoli Nord meno di due settimane fa. Il calciatore aveva subìto la frattura del setto nasale, che è stata ricomposta con un intervento chirurgico dalla dottoressa Graziella Salerno. Ma per il ritorno in campo in tempi brevi era necessario proteggere la zona interessata e a questo scopo l’Ortopedia Meridionale, già al fianco di diversi club calcistici, ha messo a disposizione le tecniche più avanzate realizzando in meno di 24 ore uno strumento unico in Italia che permetterà al capitano di essere in campo già questo sabato nello scontro al vertice con la capolista Puteolana.

La maschera protettiva, infatti, è stata realizzata con una tecnologia innovativa che, grazie alla scannerizzazione del volto dell’atleta, ha permesso di consegnare un prodotto personalizzato al 100% realizzato con materiali riciclabili. Una tecnica assolutamente nuova per l’Italia e utilizzata da pochissime aziende a livello europeo. La realizzazione è stata possibile grazie a uno studio che Ortopedia Meridionale del cavalier Salvio e del dottore Andrea Zungri sta portando avanti da cinque anni con i professori Antonio Gloria e Roberto De Santis e le ingegneri Ida Papallo e Ilaria Onofrio del CNR, per la realizzazione di ortesi mediante la stampa 3d (quindi non solo mascherine ma anche altre protezioni per gli sportivi come, ad esempio, i parastinchi e ulteriori strumenti come busti e tutori non legati al mondo dello sport), che potrà rivelarsi utile anche in futuro. Un progetto che ha già ricevuto il “Premio Buona Sanitá” lo scorso mese a bordo di una nave della Msc.

Scheda tecnica della maschera

Il dispositivo custom made è stato realizzato integrando tecniche di acquisizione/analisi delle immagini, a partire da una scansione del volto dell’atleta, con tecnologie additive basate su metodi di iniezione/estrusione di materiali, note comunemente come “stampa 3D”, e con opportune strategie di progettazione, utilizzando un polimero termoplastico, riciclabile nell’ottica di un ulteriore passo verso una maggiore sostenibilità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Ho letto e accetto Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.