Apre la prima attività finanziata dal GAL con la misura 6.2.1 del PSR Campania 2014/2020

È un bad&breakfast situato a Pietravairano e gestito dalla beneficiaria Damiana Stasi, con posti letto e diversi servizi per l’utenza

0 263

Funziona a pieno regime da qualche giorno La Casa in Campagna, il bad&breakfast che ha aperto i battenti a Pietravairano e che è la prima attività realizzata e finanziata con la misura 6.2.1 del PSR Campania 2014/2020, bandita dal Gal Alto Casertano nell’ambito della propria Strategia di Sviluppo Locale.

Con l’aiuto pari a 40 mila euro concesso in regime di “de minimis” dal gruppo di azione locale a ben 5 aziende, è stata così incentivata la nascita di nuove imprese per attività extra agricole nelle aree rurali dell’Alto Casertano al fine di sostenere l’incremento dei posti di lavoro ed il mantenimento di un tessuto sociale attivo in aree rurali altrimenti potenzialmente a rischio di abbandono.

La ditta Stasi ha realizzato un b&b con diversi posti letto e servizi ricettivi vari e di svago che potranno essere fruiti dai turisti che arriveranno nel comprensorio vairanese e nell’intero territorio a nord di Terra di Lavoro per visitare siti di interesse storico-archeologico e religioso, monumenti, musei e bellezze paesaggistiche e naturalistiche.

In tal modo, si è contribuito a salvaguardare i livelli di reddito e di occupazione nel settore agricolo e nelle aree rurali ed a migliorare la qualità della vita attraverso la facilitazione all’accesso al mondo del lavoro con la creazione e lo sviluppo di piccole imprese operanti nell’extra agricolo.

“Il GAL Alto Casertano, con la tipologia di intervento 6.2.1, ha inteso favorire l’avviamento d’impresa per attività extra agricole nelle aree rurali, da parte di microimprese e piccole imprese, favorendo in tal modo la creazione di posti di lavoro. Era prevista la concessione di un sostegno, da erogarsi come forma di aiuto forfettario a fondo perduto e la realizzazione di un Piano di Sviluppo Aziendale (PSA)”, dichiara il presidente Manuel Lombardi ed il coordinatore Pietro Andrea Cappella.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Ho letto e accetto Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.